Archivi tag: sesso

I 10 INSOSPETTABILI TRATTI FEMMINILI CHE FANNO PERDERE LA TESTA AGLI UOMINI

Non più solo décolleté e lato B. Pare che i maschietti, oltre che per le curve hot, abbiano una passione inconfessata per alcuni tratti femminili, difficili da immaginare.

Come riporta LEGGO ecco cosa della dolce metà fa eccitare davvero un uomo. 

1) Essere maldestre. La donna pasticciona piace perché suscita nel partner un senso di protezione. 

2) Imprecare. Non ovviamente un turpiloquio volgare, ma pare che una parolaccia detta nel modo giusto, faccia sobbalzare i maschietti.

 3) Indossare magliette. Gli uomini amerebbero guadare la propria lei vestita solo di una maglietta con le gambe nude.

 4) Mangiare con la bocca aperta. Anche questo, fatto nel modo giusto, ecciterebbe il partner.

 5) Occhiali e capelli raccolti. Il look “da casa” scatenerebbe nell’uomo la voglia di “traviare” la brava ragazza. 

6) Pigiama. Anche un poco sexy “look da notte” risveglierebbe le fantasie erotiche di lui.

 7) Lavare il pavimento. Probabilmente per la posizione hot assunta dalla donna impegnata nelle faccende domestiche.

 8) Sudare. Questo perché ricorderebbe ai maschietti il sudore durante il rapporto. 

9) Dimenticare il reggiseno. Gli uomini pare che impazziscano per i vestiti indossati senza reggiseno.

 10) Mani piccole.

Fonte: qui

TAIWAN, 22ENNE MUORE MENTRE FA SESSO: POSSIBILE ICTUS O INFARTO

Un ragazzo di 22 anni è morto per un sospetto ictus mentre stava facendo sesso con la sua ragazza. Il giovane ha cominciato a sudare e avere difficoltà respiratorie prima di perdere conoscenza della sua casa di Keelug, a Taiwan.

Come scrive LEGGO: La sua partner ha raccontato che erano le 5 del mattino, e che appena si è resa conto di quanto stava accadendo ha telefonato personalmente all’ambulanza.

“È caduto sul letto con un forte tonfo – ha raccontato Fu, 20 anni – l’ho toccato e chiamato il suo nome, ma non ha reagito”.  Anche se ancora non c’è una diagnosi ufficiale, i medici ritengono si sia trattato di ictus o infarto.

Il giovane, che si chiamava Huang, era in buona salute, anche se leggermente sovrappeso e appena guarito da un lieve raffreddore. Sarà l’autopsia a stabilire la causa del decesso.

 I medici si chiedono se il tempo insolitamente freddo degli ultimi giorni (il termometro ha raggiunto gli 11°, al di sotto della media locale) non abbia in qualche modo influito sul decesso e il Dr. Shih, responsabile del pronto soccorso del Keelung Chang Gung Memorial Hospital, ha avvertito che quando fa molto freddo sarebbe opportuno riscaldare prima il corpo con qualche esercizio e poi cominciare a fare sesso.

Fonte: qui

LUI FA SESSO, LEI MANGIA: I MODI DIVERSI PER COMBATTERE LO STRESS

L’uomo e la donna hanno due modi diversi di reagire allo stress. Lei mangia mentre lui fa sesso, o si accontenta di guardare immagini pornografiche.

Questo almeno è quanto risulta da alcuni studi inglesi presentati a Liverpool, alla Conferenza della divisione di psicologia clinica della Società britannica di psicologia. Spiega John Barry dell’University College di Londra: “Per gli uomini fare sesso significa probabilmente evasione, è un modo per dissociarsi da qualunque problema si trovino ad affrontare.
Durante l’attività sessuale vengono rilasciate endorfine, sostanze che producono una sensazione di piacere. Una sorta di farmaco naturale, al quale gli uomini ricorrerebbero di più perché per natura hanno una libido più alta.

Aggiunge Louise Liddon della Northumbria University di Newcastle: “Gli studi dimostrano il bisogno di cibi grassi e dolci” durante i periodi difficili. “Sono alimenti che interferiscono con il cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress – chiarisce la psicologa – ma non sappiamo bene perché le donne utilizzano più spesso questa via di fuga”.

“In un primo studio, su 115 maschi e 250 femmine – riporta il Daily Mail – gli autori hanno indagato sulle strategie messe in atto dai due generi per gestire e superare lo stress. È risultato che il 27 per cento degli uomini, contro solo l’11 per cento delle donne, opta per sesso e pornografia; oltre la metà delle donne cerca invece conforto nel cibo, contro meno di un terzo degli uomini”.

Una seconda ricerca, condotta sempre da Barry, lo psichiatra che ha condotto ricerche sulle strategie anti-stress, ma con l’università di Portsmouth e i Central London Samaritans, ha coinvolto venti terapeuti per far luce sulle differenze di genere rilevate fra le persone che chiedono aiuto quando hanno dei problemi.

È emerso che in generale gli uomini fanno ricorso alla terapia se si trovano in difficoltà sul lavoro, le donne se una relazione amorosa va male.

Ma mentre alle femmine piace parlare a lungo dei propri tormenti, i maschi chiedono una soluzione che sia il più rapida possibile, hanno fretta di voltare pagina e di continuare a vivere.

Evidenze che confermano quelle di un sondaggio online condotto sul tema. “Uno dei dati più interessanti – osserva Barry – è che l’80 per cento dei terapeuti ha mostrato una certa riluttanza nel parlare in modo diretto delle differenze di genere riscontrate fra le persone che si rivolgono loro.

Questo potrebbe dipendere da una certa cultura accademica che rende più accettabile discutere delle somiglianze fra i sessi, più che delle differenze.

Se invece queste venissero prese in maggiore considerazione, la psicologia riuscirebbe ad attrarre più uomini”. Perché a fronte di una minore inclinazione maschile a bussare alla porta dei medici dell’anima, resta il fatto che gli uomini si suicidano 3-4 volte più delle donne.

Fonte: qui

SESSO TRA COLLEGHI? È BOOM ALLE FESTE AZIENDALI…

Natale è appena passato, con tutto il suo corollario di feste aziendali per farsi gli auguri. Feste dove, c’è da giurarci, in tanti si saranno divertiti.

Secondo una ricerca condotta in Gran Bretagna dalla Ann Summers, rivenditore britannico di lingerie e sex toys, a queste feste, infatti, 4 persone su 10 non si scambiano solo gli auguri, ma fanno di più: sesso.

Ovvero, sesso tra colleghi. L’obiettivo della ricerca, che ha coinvolto 2mila adulti, era scoprire la professione in cui si creano più facilmente occasioni di incontri hot tra colleghi.

Dall’indagine è così emerso che il 39% delle persone ha ammesso di aver fatto sesso con un collega durante una festa organizzata per il Natale, mentre oltre il 50% ha raccontato di aver baciato un compagno di lavoro.

Secondo i dati riportati dal ‘Mirror’, il luogo privilegiato per fare sesso è il parcheggio dell’ufficio, indicato dal 25% dei partecipanti al sondaggio; un 21% sceglie la sala del consiglio di amministrazione, il 18% opta per un ripostiglio, il 16% la stanza del direttore e un 15% la propria scrivania.

Meno sorprendentemente, uno su cinque ha rivelato di essersi ritrovato nell’imbarazzante situazione di essersi ubriacato alla festa di Natale.

Per quanto riguarda le professioni che più facilmente si lasciano andare alla promiscuità, infine, in testa c’è il settore dell’IT (Information technology) con il 76%; segue il mondo degli avvocati al 74%, le risorse umane al 72 a pari merito con il settore trasporti e logistica; poi la finanza con il 71% e il mondo dei media e del marketing al 68%. In classifica anche il comparto salute (52%) e quello scolastico (con il 45%).

Fonte: Qui