Archivi tag: natale

BIMBA MORTA A NATALE: UCCISA DA UN BATTERIO KILLER SCONOCIUTO

È stata uccisa da un batterio killer sconosciuto la bimba di tre anni di Capena morta il giorno di Natale al policlinico Agostino Gemelli di Roma. Inizialmente si era parlato di meningite, sebbene la bimba fosse stata vaccinata. Ma i risultati delle analisi sono, se possibile, ancora più preoccupanti.

Impossibile identificare il batterio

«Non è stato possibile, neanche dopo numerosi e differenti tentativi, identificare il batterio responsabile della sepsi diffusa, che ha contribuito a determinare la morte della bambina: questo risultato riflette la concomitante necessitata somministrazione di antibiotici», hanno fatto sapere i sanitari, attraverso una nota ufficiale dell’Istituto superiore di sanità.

Le rassicurazioni dei sanitari sulla profilassi

«Le analisi effettuate dall’Istituto superiore di sanità e i risultati dell’autopsia eseguita presso il Policlinico Universitario Agostino Gemelli, dove la piccola era stata ricoverata in condizioni critiche nella Terapia intensiva pediatrica al mattino del 24 dicembre – si legge ancora nel comunicato diffuso dall’Iss – confermano che la morte è compatibile con una gravissima insufficienza multiorganica associata a possibile coinfezione batterica e virale».

«La profilassi, somministrata a scopo cautelativo ha garantito la sicurezza della comunità», si legge nella conclusione della nota, che fa riferimento alla profilassi per meningite attivata subito dopo il ricovero della piccola fra le persone con cui era entrata in contatto.

Fonte: qui

PONTI 2018, MENO DELL’ANNO SCORSO MA PIÙ STRATEGICI: LA GUIDA AL CALENDARIO DEL 2018

Il 2018 è alle porte. Dopo un 2017 particolarmente ricco di ponti e vacanze, ci aspetta un anno meno generoso. Dando un’occhiata al calendario, però, è possibile individuare alcuni ponti strategici da non lasciarci scappare.

Un esempio? Il prossimo Natale, quando, con soli 7 giorni di ferie, sarà possibile “stare a casa” per ben 16 giorni consecutivi. La vera sorpresa di questo 2018 è la Pasqua, che cade il primo aprile. I più burloni potranno sbizzarrirsi, avendo a disposizione un’intera giornata libera per fare i propri scherzi.

Ponti o non ponti? 

Nel 2018, molte feste cadranno di sabato e domenica o nel bel mezzo della settimana. E già questa è una cattiva notizia. L’umore peggiora se si pensa che, ad eccezione di lunedì, primo gennaio – un piccolo strascico del 2017 con cui potremo allungare le feste di Capodanno – fino alla fine del mese di aprile i ponti non esisteranno.

I più fortunati, però, potranno “sfruttare” la Festa della Liberazione – che cade di mercoledì – per fare un ponte di 2 giorni (giovedì e venerdì) e “stare a casa” fino a domenica 29 aprile. Stesso discorso vale per il primo maggio. I più fortunati potrebbero riuscire a fare un ponte di sei giorni, chiedendone solo tre di ferie (da martedì 1 maggio a domenica 6).

E a Ferragosto? 

Fino ad agosto, poi, sarà necessario rassegnarsi: si lavorerà ininterrottamente. Si intravede uno spiraglio di luce proprio a Ferragosto.

Chi non sarà già in spiaggia, potrà utilizzare il 15 – che cade di mercoledì – per magari portarsi a casa 9 giorni di vacanza prendendone solo 4 di ferie (da sabato 11 a domenica 19 agosto). Una meritata pausa estiva, insomma. O meglio una tregua, perché fino a fine ottobre sul calendario non c’è traccia di ponti.

Il ponte di Ognissanti e Natale: una benedizione 

A novembre, finalmente un ponte garantito: da giovedì 1 novembre a domenica 4. Anche il Natale darà delle soddisfazioni: dato che il 25 cade di martedì, i più fortunati potranno prendersi il lunedì 24 e i due giorni successivi a Natale e a Santo Stefano fino alla domenica.

Oppure, per chi potrà permettersi sette giorni di ferie, ci sarà la possibilità dei 16 giorni di vacanza consecutivi: dal 22 dicembre al post Epifania, nel 2019. Ma a questo ci penseremo il prossimo anno…

Fonte: Qui

NATALE, ROMA NELLE MANI DEI LADRI: SVALIGIATI OLTRE 200 APPARTAMENTI

Raffica di furti negli appartamenti a Roma. La notte della vigilia di Natale i ladri hanno svaligiato diverse case e villini in varie zone della Capitale e i furti, come riporta il Messaggero, sono continuati anche durante la giornata del 25. In totale sono duecento gli interventi effettuati dalla polizia e dai carabinieri.

Le prime telefonate al 112 sono arrivate subito dopo la mezzanotte quando molti romani, dopo il brindisi natalizio, sono tornati a casa e hanno avuto l’amara sorpresa di trovare il proprio appartamento sottosopra.

I furti sono avvenuti in zona Ostiense, Trastevere, Monteverde, Ostia, Fiumicino, Centro Storico, Prati, Montesacro, Spinaceto e in tante altre zone dell’hinterland.

Raffica di furti negli appartamenti a Roma

Il furto più eclatante è avvenuto in via Bompietro, nella Borgata Finocchio, periferia del Casilino.

I ladri  si sono introdotti in casa di un negoziante e sono riusciti a mettere le mani su cinque pistole (regolarmente  denunciate) e su 150.000 euro in contanti che l’uomo teneva in casa.

In molti altri casi le volanti della polizia sono riuscite a mettere in fuga  i ladri. Gli agenti in due giorni hanno arrestato quindici persone: due romani, cinque rom, albanesi, romeni in flagranza di reato.

Fonte: qui

METEO: NATALE CON NUBI IN AUMENTO, MERCOLEDÌ FORTE MALTEMPO

Il campo di alta pressione formatosi sull’Italia si indebolirà gradualmente a partire dalla sera di Natale; nei prossimi giorni quindi le perturbazioni atlantiche riusciranno di nuovo a raggiungere il Mediterraneo. I venti più umidi provenienti da sud ovest favoriranno tra Natale e Santo Stefano un graduale aumento della copertura nuvolosa.

Tuttavia il peggioramento più significativo è atteso mercoledì 27, quando un intenso sistema perturbato sarà accompagnato da un deciso rinforzo dei venti meridionali e da precipitazioni anche abbonanti (soprattutto sulle aree alpine e prealpine e sul versante tirrenico della penisola).

Giovedì i venti freddi che seguono la perturbazione determineranno un momentaneo calo delle temperature in tutto il Paese. A ridosso del Capodanno si prospetta al momento una fase temporaneamente più stabile e con temperature in rialzo.

Previsioni meteo per martedì (Santo Stefano). Martedì cielo nuvoloso su buona parte del Paese; la nuvolosità sarà più compatta al Nord e sul lato tirrenico della penisola. Nel corso della giornata probabili piogge su Levante Ligure e nord della Toscana; qualche rovescio sulla Sardegna occidentale.

Precipitazioni deboli e intermittenti tra bassa Toscana e nord della Campania, sul nord della Lombardia, sulle Alpi centro orientali, nell’estremo Nordest con deboli nevicate sulle zona alpine sopra 1000 metri circa. Temperature in rialzo nei valori minimi, con le ultime locali gelate soltanto su parte del Nord e nelle valli interne dell’Abruzzo.

Massime in lieve calo su Alpi, Nord-Ovest, Centro-Sud e Sicilia. Venti da deboli a moderati sud occidentali in Liguria e la Centro-Sud.

Fonte: qui