Archivi tag: MORTA

RICORDI LA MODELLA 14ENNE MORTA DOPO 13 ORE DI SFILATE: “POTREBBE ESSERE STATA AVVELENATA”

La sua storia aveva commosso la Russia e il mondo. Ora emergono alcune novità su Vlada Dzyuba, la modella 14enne morta a Shangai dopo una sfilata di 13 ore. La ragazza non sarebbe deceduta per la fatica, come era sembrato all’inizio, ma potrebbe essere stata avvelenata.

A rivelarlo è il tabloid britannico Sun. Dopo l’autopsia effettuata sul corpo di Vlada Dzyuba sono emerse tracce di una sostanza misteriosa. «Vlada potrebbe essere stata morsa da un insetto velenoso, potrebbe aver mangiato qualcosa di letale oppure potrebbe essere stata uccisa deliberatamente». Le autorità, secondo il quotidiano inglese, non escluderebbero la possibilità di un omicidio, magari da parte di una collega rivale.

Ancora la vicenda è poco chiara, anche perché la sostanza non è stata identificata. «Gli esperti sono ancora al lavoro, ma è chiaro che non è morta per una semplice infezione».

Dall’ospedale cinese dove Vlada è morta ancora c’è il massimo riserbo, certo è che l’avvelenamento ha causato numerosi danni agli organi, disfunzioni al fegato e insufficienza renale.

Sul caso indaga anche il Russian Investigative Committee, l’equivalente dell’Fbi, che ha aperto un fascicolo. Al di là della causa della morte, il caso continua a far discutere, anche e soprattutto per aver riaperto il dibattito sulle condizioni di lavoro delle giovani modelle in Cina.

Minorenni che spesso vengono sfruttate dall’industria: Vlada lavorava in Cina senza assicurazione, per una paga misera e sfilava anche 12 ore al giorno.

Dopo l’ennesima estenuante sfilata, Vlada si è sentita male ma invece che essere mandata dal dottore ha dovuto affrontare un viaggio in treno di 185 miglia. Le sue condizioni di salute sono peggiorate progressivamente, fino alla morte avvenuta in ospedale.

La giovane si era lamentata della sua vita con la mamma Oksana: «Sono stanca, ho tanta voglia di dormire», le aveva detto. Intanto tre agenzie che la rappresentavano hanno negato ogni responsabilità. Il suo contratto specificava tutte le condizioni di lavoro, ha detto la responsabile del viaggio di lavoro di Vlada in Cina.

Fonte: qui

CIAO MAMMA VADO IN CAMERA A STUDIARE E LA TROVANO MORTA SUI LIBRI…

Dramma a Marcianise. Una studentessa di 18 anni, Teresa Laviscio, è morta improvvisamente mentre a casa era intenta a studiare.

La giovane, che frequentava la 3L del Liceo Classico Quercia, come riporta il Mattino, approfittando del ponte di Ognissanti aveva deciso di impegnare la mattinata a studiare nella sua cameretta della villa di via Petrarca, nel centro di Marcianise, nonostante non si sentisse molto bene ed avvertisse un po’ di freddo.

Dopo un po’ la mamma è andata ad accertarsi di come stesse e l’ha trovata riversa sul divano senza conoscenza. Ha subito dato l’allarme e la giovane è stata trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Marcianise, dove i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Muore mentre studia, il dolore dei compagni

La notizia della tragedia si è subito sparsa in città, dove la famiglia della giovane è molto nota, e presso l’obitorio del nosocomio, dove è stata adagiata la salma: è stato meta di centinaia di amici, conoscenti e parenti che si sono stretti attorno agli affranti genitori.

Particolarmente toccante anche il dolore dei compagni di classe della giovane, accorsi in ospedale, dei docenti e del dirigente scolastico.

Fonte: qui

“BRITNEY SPEARS È MORTA”, MA LA NOTIZIA È UNA BUFALA: HACKERATO L’ACCOUNT UFFICIALE DELLA SONY

Britney Spears è morta in un incidente. Vi diremo di più presto”. Il tweet è comparso sull’account ufficiale della Sony.

In una giornata già assai triste per la musica, a causa dell’improvvisa morte di George Michael, in un anno nero per il pop (con il decesso tra gli altri di David Bowie e Prince), arriva anche questa notizia.

Ma fortunatamente almeno in questo caso non è vero. L’account della Sony, si legge sull”Indipendent’, sembra infatti essere stato hackerato e i due post sono infatti stati eliminati. E un portavoce della Spears ha infatti confermato che è ancora viva.

A essere hackerato è stato anche il profilo di Bob Dylan sul quale appariva un altro post: “Rest in peace”. Anche in questo caso dietro i finti tweet c’è il gruppo OurMine, che nel corso dell’ultimo anno ha preso di mira anche l’account Twitter della Marvel, di Netflix Usa e Mark Zuckerberg.

Fonte: qui

RAGAZZA INCINTA TROVATA MORTA A BOLOGNA, LA MADRE POSTA SU FB LA FOTO DEL CADAVERE R.I.P.

Madre pubblica la foto del cadavere della figlia su Facebook. Si tratta di Jenni Galloni, la ragazza di 25 anni di origini pugliesi, al quarto mese di gravidanza, trovata morta a Bologna in un appartamento della periferia, al quartiere Barca, dove viveva con studenti, lunedì scorso.

I motivi sono ancora da chiarire. La polizia indaga e per domani è stata disposta l’autopsia con esami tossicologici dal pm Stefano Orsi.

Il gesto estremo della madre è accompagnato da uno sfogo di rabbia nei confronti di chi avrebbe fatto del male e si sarebbe approfittato della ragazza.

“Dopo che ho visto gente di merda…scrivere di mia figlia – scrive la madre sulla pagina Facebook aperta in memoria della figlia – io ora voglio che VOI ve la ricordiate come purtroppo questa immagine non me la leverò mai dalla mente”.

“Ora – accusa – non la potete più toccare con le vostre sporche mani con le vostre false parole con i vostri plagi……non la potete più invitare a far festa ai rave….”.

E ancora: “Non potrete più fottergli i soldi che non avevate intenzione di restituirgli mai….se n’è andata sapendo dentro di se che eravate persone di merda e di merda resterete per sempre..”.

”Grazie del tatto che avete avuto con lei e che avete tuttora con certi post… – scrive – grazie Santino se non era per persone come te forse non avrebbe trovato la pace eterna… attenzione a tutti quelli che sanno in coscienza, di aver fatto più danno ke il resto nella sua vita, se ne hanno una di non scrivere mezza parola nella pagina di mia figlia!!!!!! grazie di avermela tolta veramente grazie!”.

La pagina Facebook è stata acquisita agli atti. Tante le condoglianze ma anche le reazioni scioccate per la scelta di postare la foto della ragazza morta.

Fonte: qui