Archivi tag: grave

TROPPE TISANE NELLA DIETA FAI DA TE: 47ENNE RICOVERATA IN TERAPIA INTENSIVA

I buoni propositi per l’anno nuovo possono costare cari. Specie se, per smaltire gli eccessi delle feste di fine anno, si opta per un regime detox radicale e fai da te.

Come scrive LEGGO: Il monito arriva dai medici che, sul ‘British Medical Journal Case Reports’, descrivono il caso di una donna di 47 anni, finita in terapia intensiva al Milton Keynes Hospital, nel North Buckinghamshire, dopo un drastico regime detox a base di erbe e un eccessivo consumo di acqua e tisane.

La paziente ha riposto bene alle cure, ma la sua storia è un monito sui pericoli di approcci di questo tipo, dicono i medici. Metodi diffusi proprio in questo mese dell’anno. La paziente in questione aveva assunto un cocktail di erbe e integratori, tra cui: cardo mariano, molkosan, I-teanina, un composto di vitamina B, verbena e radice di valeriana.

Secondo i familiari, inoltre, aveva anche bevuto molta acqua, tè verde, e tè alla salvia prima di subire un collasso. Gli esami hanno rivelato livelli pericolosamente bassi di sodio nel corpo. «Il mercato della medicina alternativa è molto popolare nel Regno Unito e il concetto di ‘disintossicazionè per il nuovo anno con prodotti del tutto naturali è attraente per chi è meno interessato alla medicina basata sull’evidenza rispetto alla medicina complementare», scrivono i medici.

«L’eccessiva assunzione di acqua come metodo di ‘purificazione e pulizià del corpo» fa rima con la convinzione «che i prodotti di scarto dannosi possono essere lavati via dall’organismo in questo modo», continuano i medici.

Ma «nonostante il marketing suggerisca altrimenti, i prodotti totalmente naturali non sono privi di effetti collaterali». E la British Dietetic Association, ricorda la ‘Bbc onlinè, sottolinea come la stessa idea di detox sia una sciocchezza. «Non ci sono pillole o bevande specifiche, patch o lozioni che possono fare un lavoro magico», spiega un portavoce.

«Il nostro corpo ha numerosi organi, come pelle, intestino, fegato e reni, che continuamente lo ‘disintossicanò dalla testa ai piedi». Ecco dunque che «essere ben idratati è una strategia sensata, ma bere troppa acqua può essere pericoloso come non berne abbastanza. Suona prevedibile – conclude l’esperto – ma per la stragrande maggioranza delle persone, una dieta equilibrata e una regolare attività fisica sono gli unici modi per salvaguardare e massimizzare la salute».

Fonte: qui

ALLARME MENINGITE IN TOSCANA: DOPO LA MORTE DI DUE DONNE RICOVERATO UN BAMBINO A FIRENZE

Un bambino di 8 anni è stato colpito da meningite di tipo C in Toscana. Residente a Collesalvetti, in provincia di Livorno, è ricoverato all’ospedale Meyer.

Il sindaco di Collesalvetti annuncia su Facebook la chiusura di tutte le scuole di Stagno (infanzia, elementare e media).

Il bimbo dapprima è stato ricoverato a Pisa, poi trasferito al Meyer di Firenze.  Le sue condizioni non sarebbero gravi. Sono state messe in atto tutte le misure necessarie per la profilassi.

“L’Asl – si legge nella nota dell’azienda sanitaria locale – ha contattato il preside della scuola elementare Minerva Benedettini, dove il bimbo frequenta la terza elementare: mercoledì 23 i sanitari saranno al plesso scolastico dove verrà effettuata la profilassi sugli studenti e sui contatti più stretti somministrando uno sciroppo antibiotico.

La Asl rassicura la popolazione “e sottolinea che non è necessario chiudere le scuole anche perché il batterio non sopravvive all’aperto. Per informazioni è possibile recarsi agli uffici dell’igiene e sanità pubblica di Livorno, in Borgo San Jacopo, 59”.

Sei persone nel 2016 sono morte per meningite in Toscana (una a Lucca, una a Pistoia, una a Prato, due a Empoli e una a Firenze).

Fonte: Qui

NORCIA, TERRORIZZATA DAL TERREMOTO SALTA DALLA FINESTRA: È GRAVE

Sarebbe in gravi condizioni la donna di Norcia che ieri mattina si è gettata dalla finestradopo che la violenta scossa di terremoto delle 7.40 l’aveva gettata nel panico spingendola ad abbandonare la propria abitazione il prima possibile.

La donna, racconta il Corriere dell’Umbria, è stata trasportata in elicottero al pronto soccorsodi Santa Maria della Misericordia di Perugia in codice rosso: in seguito alla caduta la cinquantacinquenne ha riportato un politrauma con interessamento del cranio. Secondo i medici però la donna fortunatamente non sarebbe in pericolo di vita.

Anche a Foligno è andato in scena un episodio simile: in preda al panico, un uomo si è gettato dalla finestra, atterrando su un albero e quindi precipitando in terra. Per il trauma riportato dopo l’impatto con il suolo è stato medicato al pronto soccorso e quindi in ortopedia, ma sarebbe già stato dimesso dal locale nosocomio.

Le persone ferite dai crolli seguiti alla scossa di terremoto di ieri mattina sarebbero in tutto una ventina.

Fonte: Qui