Archivi categoria: Senza categoria

UK, IN AULA CON 2 MINUTI DI RITARDO: MINISTRO BATES SI DIMETTE (Trova le differenze..)

Si è vergognato troppo per quei due minuti di ritardo. Così, ministro britannico del Dipartimento internazionale per lo sviluppo, Lord Michael Bates, ha deciso di dare le sue dimissioni.

Bates, arrivato alla Camera dei Lord con un ritardo di qualche minuto, non è riuscito a rispondere alla prima domanda dell’interrograzione dell’opposizione. Quando ha preso la parola, il ministro britannico si è rivolto alla parlamentare Ruth Lister per chiedere perdono e rassegnare le dimissioni.

“Mi scuso per la maleducazione che ho mostrato non facendomi trovare al mio posto per rispondere alla sua domanda. Nei cinque anni in cui è stato un mio privilegio rispondere alle domande per conto del governo ho sempre creduto che dovremmo elevare il livello di cortesia e rispetto nel rispondere. Mi vergogno per non essere stato al mio posto, e di conseguenza offrirò al primo ministro le mie dimissioni con effetto immediato”, ha dichiarato Bates prima di uscire dalla Camera.

Ma le dimissioni del ministro sono state respinte all’unanimità da tutta l’Aula.

Fonte: qui

Il video

ROVIGO: FURIOSA RISSA TRA STRANIERI, FERITI, TERRORE E AMBULANZA… #GraziePD

Uno scontro violentissimo, tra extracomunitari, che secondo le prime ricostruzioni si è consumato in pieno centro, non distante dal Duomo, più o meno all’altezza del negozio di kebab che si trova lì vicino.

Pugni e calci, che hanno provocato danno e reso necessario l’intervento dei carabinieri e del personale medico del Suem..

Un setto nasale rotto, più varie medicazioni per tumefazioni e ferite varie. Non è una bazzecola il bilancio della rissa scatenatasi verso la mezzanotte della notte tra martedì 16 e mercoledì 17 dicembre in pieno centro a Rovigo, a due passi dal Duomo, dove, secondo una prima ricostruzione dei fatti, alcuni stranieri si sono scontrati a calci e pugni, per motivi al momento in via di chiarimento da parte del personale dei carabinieri, accorso sul posto.

E’ quindi apparso chiaro come fosse necessario anche l’intervento del personale del Suem, alla luce della presenza di feriti, per fortuna in condizioni non gravi, ma comunque bisognosi di cure.

Si stanno valutando eventuali provvedimenti a carico dei partecipanti alla rissa, che comunque avranno facoltà di presentare querela di parte.

Fonte: qui

Il commento di Lucia Borgonzoni

INFLUENZA, L’EPIDEMIA BLOCCA GLI OSPEDALI: “INTERVENTI SOSPESI”; SCOPPIA IL CAOS A PORDENONE

L’epidemia di influenza blocca gli interventi chirurgici in provincia di Pordenone. I tre ospedali – nel capoluogo, a San Vito al Tagliamento e Spilimbergo – hanno sospeso le sedute di chirurgia programmate per lunedì 15 gennaio, per creare disponibilità di posti letto per garantire la gestione delle urgenze legate all’influenza.

«La decisione è stata assunta per far fronte ai maggiori flussi determinati dal picco epidemico dell’influenza – ha detto all’ANSA il direttore sanitario Giorgio Sclippa – la riacutizzazione di malattie croniche in qualche modo legate allo stesso virus e alle complicanze che sono collegate, e un insolito carico di urgenze chirurgiche».

Il provvedimento eccezionale riguarda, per ora, soltanto l’attività programmata per lunedì.

Nella stessa giornata sarà reso disponibile un aggiornamento sull’andamento del fenomeno di iperafflusso ospedaliero, per decidere se prolungare la rimodulazione dell’attività chirurgica dei giorni seguenti.

«Ci aspettiamo un boom di accessi nel fine settimana – ha confermato Sclippa – e non ce la siamo sentita di impegnare i posti letto per i pazienti programmati.

La direzione aziendale è consapevole del disagio arrecato ai cittadini, ma tale misura, che segue a tutte le altre revisioni organizzative già adottate, è risultata necessaria e improcrastinabile.

Solo per fare un esempio, in questi giorni abbiamo una media di 15 pazienti oltre la capacità del reparto di Pneumologia, che vengono ospitati in Chirurgia.

Per riproteggere quanti attendono gli interventi, procederemo con l’overbooking: non passeranno in coda alla lista, ma la priorità verrà assegnata in base all’urgenza dell’approccio chirurgico».

Fonte: qui

LA DISFATTA DEL CINEMA ITALIANO, UN’AUTENTICA DEBACLE NEL 2017: -46% PRESENZE

Numeri da brivido per il cinema italiano, che nel 2017 “incassa” un preoccupante -46,35% rispetto al 2016 per numero di presenze (pari a 16.880.223) e -44,21% per biglietti venduti (18,28% del totale).

La quota italiana al box office per incassi del 17,64% è la peggiore degli ultimi 4 anni, secondo i dati del Mercato Cinematografico 2017 forniti all’Anica.

Negativo il 2017 anche per quanto riguarda incassi e presenze: -11,63% e -12,38%.

Fonte: Qui