SGOMBERANO UN CAMPO ROM VICINO A UN CENTRO SPORTIVO E TRE NOMADI AZZANNANO UN UOMO

Li hanno sgomberati e loro se la sono presi con il direttore del centro sportivo.

Lo hanno pestato, lanciandogli contro un vaso di sottaceti e poi lo hanno morso ad una mano. Una violenza inaudita messa in atto da una donna e due uomini di origine romena, che alla fine sono stati identificati dai carabinieri.

Siamo a Bolzano, nella zona di via Maso della Pieve dove questa mattina la municipale ha messo in atto lo sgombero del campo nomadi che si trovava vicino ai campi da tennis del centro sportivo. Era stato lo stesso direttore della cooperativa che gestisce il plesso a invitare gli inquilini dell’accampamento abusivo a andare altrove per non disturbare le attività di chi si reca sul posto per fare due sgambettate a tennis.

Quando lo sgombero è diventato da una eventualità a un fatto, i rom devono aver identificato nel direttore il “responsabile” dello sfratto e così in tre, una donna e due uomini, lo hanno affrontato. All’improvviso uno dei due uomini si è armato di sottaceti (compreso il barattolo) e li ha scagliati contro il povero direttore, ferendolo alla nuca, Ne è nata una colluttazione, da cui Moretti ne è uscito con la mano ferita da un morso alla mano.

I carabinieri sono intervenuti prontamente, allertati da un giovane che passava di lì e che ha dato l’allarme. I tre nomadi sono dunque stati identificati.

Fonte: qui