I MIGRANTI DI DUE CENTRI DI ACCOGLIENZA FANNO ACQUISTI ONLINE DI MODA CON CARTA DI CREDITO: “CON QUALI RISORSE SONO EFFETTUATI TALI ORDINI DI ACQUISTO?”

Per ora non ci sono che alcune fotografie che, come scrive La Nazione, certificano che i migranti di due centri di accoglienza a Certaldo e Firenzuola fanno ordini online su Zalando (e non solo).

La cosa è parsa strana a molti cittadini che vivono nei dintorni (si sa, nei paesi tutti sanno tutto). E soprattutto ai corrieri che a cadenza quasi regolare consegnano i pacchi ai migranti. Le segnalazioni sono così arrivate alle orecchie del consigliere regionale della Lega Nord, Jacopo Alberti, il quale già un mese fa aveva sollevato il dubbio e ora ha presentato una interrogazione regionale che nei giorni prossimi verrà discussa nei luoghi competenti.

“Le risorse destinate all’accoglienza dei richiedenti asilo – si legge nell’interrogazione, riportata dalla Nazione servono a coprire tutte le necessità degli ospiti delle strutture (pulizia, vitto, beni di prima necessità), ma agli stessi ospiti viene comunque corrisposta una somma ulteriore di 2,50 euro al giorno, oltre alle ricariche telefoniche“. Non solo. I migranti dopo qualche tempo dal loro sbarco possono anche liberamente trovarsi un lavoro, dunque potrebbero avere anche risorse extra da spendere chissà come. Ma già ad agosto Alberti sospettava che dietro potesse esserci “attività illecite” per “raggranellare del denaro”.

Ora – continua il leghista – dai corrieri risulta che ogni giorno in Toscana avvengano molte consegne di prodotti di vario tipo acquistati on line e destinati alle strutture dove sono ospitati i richiedenti asilo”. Il consigliere chiede dunque di conoscere le “ragioni per le quali sono effettuati acquisti on line di beni destinati alle strutture che accolgono i richiedenti asilo, dal momento che gli ospiti delle strutture di accoglienza sono già dotati in loco di tutto il necessario e a che titolo, a nome di quale persona o ente e con quali risorse sono effettuati tali ordini di acquisto“.

Secondo quanto raccontato dai corrieri al quotidiano locale, i migranti dei centri gestiti dal Consorzio L’Arcolaio (una volta in mano al Consorzio Mc Multicons srl) “pagano in contanti direttamente alla consegna, altre volte il pagamento è già avvenuto al momento dell’ordine sul portale di vendita on line, con carta di credito e quindi noi ci limitiamo a dare il pacco al destinatario“.

Fonte: qui