6MILA EURO PER ENTRARE IN ITALIA CON FALSI PERMESSI UMANITARI; SEI ARRESTI A SAVONA

Sei bengalesi sono stati arrestati dai carabinieri di Alassio (in provincia di Savona) con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed estorsione.

La cricca si faceva pagare 6mila euro a persona e in cambio si premurava di far arrivare in Italia propri connazionali. Poi, dopo aver procurato loro i permessi di soggiorno per “motivi umanitari”, la banda di malviventi li costringeva a vivere in case sovraffollate e ad avviare piccole attività commerciali, obbligandoli a rifornirsi della merce proprio da uno dei sei indagati indagati.

A darne notizia è il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che esulta per l’operazione condotta dalla Benemerita, tornando a sottolineare l’importanza del dl sicurezza appena varato dal consiglio dei ministri.

“Capito perché occorre regolamentare, controllare e limitare la concessione di “protezioni umanitarie”, come previsto nel decreto sicurezza? Alla faccia delle critiche dei soliti buonisti abituati a chiacchierare dal loro salotto, io vado avanti!” si legge.

Fonte: qui

Il tweet