ECCO CHI È IL PM CHE INDAGA SALVINI, DISSE CHE I MIGRANTI “FUGGONO DA GUERRA E MISERIA” E CHE NON BISOGNA “CONSIDERARLI NEMICI”

Luigi Patronaggio non è diventato “famoso” ieri, quando ha deciso di iscrivere nel registro degli indagati il ministro dell’Interno.

Certo, la vicenda della nave Diciotti, l’interrogatorio a Roma dei funzionari del Viminale e infine la decisione di mettere nel mirino Salvini ne avranno aumentato la (im)popolarità. Ma chi è il procuratore capo di Agrigento?

Patronaggio ha 38 anni e tre figli. Una delle sue ultime indagini, quella sulle presunte raccomandazioni attorno a Girgenti Acque è arrivata a far dimettere pure il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede. Quella inchiesta, racconta il Corriere, arrivò a toccare anche “il padre del ministro Alfano”, pure lui in passato inquilino del Viminale.

Nel suo passato giudiziario c’è anche dell’altro. Oltre alla indagine sugli assassini di Padre Puglisi, fu lui a chiedere, in qualità di sostituto procuratore generale di Palermo, la condanna per Marcello Dell’Utri. Poi inquisì pure il maresciallo Marcello Mori sulla vicenda della presunta mancata perquisizione della casa di Totò Riina.

Quando Patronaggio scese della nave Diciotti a seguito dell’ispezione per l’apertura del fascicolo contro ignoti (poi diventati noti), si disse molto provato dall’esperienza. Parlò dei “cattivi odori che ti restano addosso”. “Mi ha accompagnato un appuntato – raccontò ai cronisti – che non era mai stato a contatto con questa realtà. Sconvolto. ‘Dottore dal vivo cambia tutto, non è come si legge sui giornali…’. Ha ragione”.

Il fatto è che le posizioni sui migranti del procuratore non sono un mistero. All’ultima apertura dell’anno giudiziario, infatti, disse che “in un’area di frontiera come Agrigento, e quindi Lampedusa, bisogna fare i conti con il fenomeno dei migranti tenendo conto che si tratta di persone costrette a lasciare con dolore terra e affetti, a fuggire da guerra e miseria”. Insomma, per il pm non bisogna “considerarli nemici”.

Fonte: qui