LA MORANI CI REGALA UN’ALTRA PERLA: “GLI EMIGRANTI ITALIANI? I NOSTRI MUSI NERI” (Ma va là!)

Quanto a figuracce Alessia Morani può riposarsi per un po’, visto che ne ha collezionate due a breve giro di posta l’una dall’altra. La Morani è una delle più note deputate pasionarie del Pd, sempre presente nei dibattiti in tv, ma sulla quale il partito dovrebbe investire di meno in termini mediatici e fare una riflessione per evitare di cadere nel ridicolo ancora di più.

La mandano in tv soprattutto per la sua specalizzazione anti-Salvini, il che in politica è lecito. Ma con cautela. L’opposizione non si fa con foto di frittura mista postate su Fb, commenti social fuori orario e fuori contesto, oppure definendo “i nostri musi neri”, i lavoratori italiani morti nella tragedia di Marcinelle. Il disastroso ultimo tweet è un delirio. Scrive infatti la deputata in memoria del dramma italiano : «136 immigrati italiani. Hanno lasciato la loro terra in cerca di un futuro migliore… avevano i musi neri, sporchi di carbone. Erano i nostri musi neri”».

Inutile dire quanto sui social sia stata  travolta da insulti per l’utilizzo del termine “musi neri” per gli italiani vittime dell’esplosione in miniera; un termine infelice, per usare un eufemismo, tra l’altro molto poco politicamente corretto  verso gli immigrati di colore e che rende bene quanto “razzismo” vi sia dietro il buonismo di facciata di tante anime belle. Gli insulti su twitter si sprecano.

La Morani si era già resa ridicola per il post di Salvini con la frittura di pesce, pubblicato dal ministro durante un incontro con i suoi elettori, ma commentato dalla piddina con un “Ridi coi morti”, incìventando ua concomitanza temporale con l’esplosione tragica di Bologna, che non c’era. Il post di Salvini era stato pubblicato molto prima. Insomma, se questi sono i temrmini dell’opposizione al governo gialloverde siamo veramente nel ridicolo, nel nulla cosmico. Bene così.

Fonte: qui

Il tweet