LA TERRA HA I GIORNI CONTATI: A DIRLO È UNO STUDIO SULLE VONGOLE

Le vongole non mentono, la Terra è in pericolo. È questo, in estrema sintesi, il risultato di una ricerca della “Nature Comunications”. I cambiamenti climatici, iniziati con la rivoluzione industriale, rischiano di compromettere le temperature del nostro pianeta e, di conseguenza, anche la sua esistenza.

Sono state studiate a tal proposito gli esseri più longevi del nostro pianeta, le vongole “quahong”, pescate nelle acque islandesi, oggi ampiamente diffuse ed allevate in tutta Europa.

La rilevazione dei componenti chimici delle vongole, come riporta Il Tempo, ha dato risultati sconfortanti, relativi ai cambiamenti climatici causati dall’attività dell’uomo.

La temperatura dell’Oceano Atlantico del Nord, da dove sono stati prelevati i molluschi per lo studio, di norma regolata dalla radiazione del sole e dalle eruzioni vulcaniche, ora è intaccata dalle emissioni di gas ad effetto serra.

La “tesi delle vongole” è confermata anche dall’alga “a palla”, che prima cresceva indisturbata nel lago Myvatn, sempre in Islanda.

Oggi questa rara alga, così come le vongole, costituiscono per gli studi scientifici importanti termometri del benessere della Terra.

Attualmente però la superficie del lago è talmente ricoperta damelma e alghe da non consentire al sole di penetrare nell’acqua e di generare queste rilevanti alghe palla.

La loro sparizione segnala un collasso dell’ecosistema che mette a rischio importanti zone di riproduzione del mondo per le anatre. Sulla terraferma le cose non vanno meglio.

È il caso della farfalla Euphydryas editha che sta, anomalamente, migrando dalle zone nordoccidentali americane verso un clima meno torrido, dovuto al cambiamento della temperatura nel loro habitat di origine.

E, da questa parte dell’Atlantico, lo dimostrano anche le api, l’Andrena nigroaenaea, che, sempre per via degli sbalzi di temperatura, hanno iniziato ad uscire dagli alveari in anticipo, mettendo così a repentaglio l’intero processo di impollinamento.

Fonte: qui