PAURA CHE GUARDINO IL PIN DEL TUO BANCOMAT? QUESTO FILMATO (VIRALE) TI AIUTA AD EVITARLO

Chissà quante volte vi è capitato di temere che qualcuno, dietro di voi, sbirciasse il pin del vostro bancomat mentre stavate eseguendo qualche operazione come, ad esempio, prelevare un po’ di denaro. 

Ma, come riporta Leggo, in questo video apparso sul web e diventato velocemente virale, un simpatico ragazzo con giubbotto verde e occhiali da vista, ci mostra come agire e come evitare ogni tipo di problema 

Il filmato arriva direttamente dalla Cina, ma non temete: tutto il mondo è paese per moltissime cose.

Fonte: Qui

MORTO IL PENSIONATO BRUCIATO VIVO A SIRACUSA: FERMATO UN 18ENNE…

A 4 giorni di distanza dalla morte di Giuseppe Scarso, l’80enne aggredito nella sua abitazione a Siracusa e dato alle fiamme, la polizia ha fermato un 18enne siracusano, Andrea Tranchina, con l’accusa di omicidio in concorso.

Un secondo fermo è stato ordinato dalla Procura nei confronti di un altro giovane, che al momento risulta irreperibile. Un terzo giovane è al momento solo indagato.

Secondo gli inquirenti, i giovani nella notte del 1 ottobre avrebbero aggredito il pensionato nella sua abitazione: prima picchiandolo e poi dandolo alle fiamme dopo avergli cosparso addosso liquido infiammabile.

L’anziano, ricoverato subito all’ospedale Cannizzaro di Catania, è deceduto in seguito alle lesioni.

Fonte: Qui

“NON VOGLIO VIVERE COME TE”: IL FIGLIO DI MILIARDARIO CINESE RIFIUTA L’EREDITÀ DEL PADRE

Figlio di papà il ventottenne Wang Sicong lo è di nome e di fatto. Perchè il genitore in questione di nome e soprattutto cognome fa Wang Jianlin ed è l’uomo più ricco della Cina essendo il fondatore di un colosso come l’impresa immobiliare Dalian Wanda Group.

Ma il futuro erede non mostra di gradire la fortunata discendenza. Anzi sembra che l’abbia proprio rifiutata. Come l’eredità dell’ingente patrimonio che un giorno sarebbe stato suo.

«Non voglio vivere una vita come la tua» avrebbe detto al facoltoso genitore. Che così è stato costretto a riferire in pubblico in occasione di un incontro fra imprenditori la posizione dell’ingrata progenie.

Sempre  che la sua scelta rinunciataria sarà messa in pratica, pare sia stata dettata dalle incombenze inevitabili per gestire un impero di oltre 30 miliardi di dollari.  

Il fatto che il giovane cinese si sia laureato in filosofia in Inghilterra non deve trarre in inganno. La sua formazione molto teorica in realtà non c’entra con questo suo “abdicare”. Perchè Sicong alla parte pratica della vita ha sempre dato un gran peso.

Basta pensare a quando è salito agli onori delle cronache luxury l’anno scorso per aver regalato due Apple Watch al suo cane ritratto sui social con gli orologi intorno alle zampe.

E tre mesi fa anche una sfilata di iPhone 7 per il suo digital dog. Insomma a lui va bene così, possiede il 2% delle quote dell’impero paterno, dirige alberghi e centri sportivi. Ma di responsabilità più grosse non ne vuol sapere. 

E, come riporta Leggo, il magnate senjor sessantaduenne quest’anno inserito da Forbes  nella Top 20 degli uomini più ricchi del mondo? L’ha presa con filosofia (seguendo la laurea del figlio) e ha minimizzato: «Forse i giovani hanno altre esigenze e priorità».

Assicurando di non avere problemi a individuare altri potenziali eredi fra “diversi manager professionisti”. Questo in via ufficiale. Ma come si dice i panni da miliardari si lavano in famiglia. Anche e soprattutto se è vip.

Fonte: Qui

UN MATRIMONIO DA INCUBO: AL BANCHETTO RESTANO TUTTI INTOSSICATI, RICOVERATA LA SPOSA INCINTA

La favola del matrimonio si è trasformata in un incubo per due sposini di Iglesias, Fabrizio Sestu e Jessica Pinna.

A far saltare i piani di una cerimonia organizzata da mesi nei minimi dettagli è stato un imprevisto con il banchetto nuziale: sposi e invitati sono rimasti intossicati e costretti a correre al pronto soccorso del Cto. 

Il primo ad accusare il malore è stato il fratello della sposa, che è diventato paonazzo mentre si godeva la festa.

Quasi tutti gli altri invitati hanno subito la stessa sorte, e la stessa sposa, al nono mese di gravidanza, è stata ricoverata in via precauzionale.

Fonte: Qui