ESORCISMI? LA DOMANDA SUPERA L’OFFERTA: TROPPO POCHI GLI ‘ANTI-DIAVOLO’

E’ boom di richieste di esorcismi ma nel mondo gli esorcisti sono poco più di quattrocento. In Italia gli ‘007’ anti-diavolo sono 240 e 124 gli ausiliari.

Sono i dati diffusi dall’Associazione internazionale degli esorcisti (Aie), unica organizzazione riconosciuta dal Vaticano.

In Italia, riferiscono i dati Aie diffusi dal Sir, operano 240 esorcisti e 62 ausiliari che devono fare i conti con una richiesta che è cresciuta a causa del propagarsi di fenomeni quali occultismo e satanismo.

“Viviamo in un periodo travagliato anche se negli ultimi anni sono stati nominati nuovi esorcisti.

Segno che c’è il desiderio di stare accanto e di aiutare persone in preda a possessioni diaboliche“, afferma all’Adnkronos Valter Cascioli, già portavoce dell’Aie, psichiatra che ha prestato la sua consulenza scientifica all’Associazione.

L’Aie ha stilato una vera e propria classifica che attesta la carenza di esorcisti in tutto il mondo.

Francia, a parte, dove gli esorcisti non mancano ma sono poco praticati, è la Polonia il secondo Paese europeo con 120 esorcisti (nessuno membro dell’Aie, ma direttamente afferenti alla Conferenza episcopale).

Segue il Regno Unito (con 28 esorcisti e 4 ausiliari), la Spagna (15 e 9), la Repubblica Ceca e la Slovacchia (9 e 1), la Lituania (8 e 6), il Portogallo (5 e 3).

Nel Messico si contano quasi 120 esorcisti e negli Stati Uniti d’America 21. Le altre nazioni contano numeri bassissimi di esorcisti tra i soci Aie.

“Anche se non esiste un censimento in materia, le richieste di esorcismi restano superiori al numero di esorcisti in campo – spiega Cascioli -.

Il principale imputato resta il secolarismo. Un problema che non esiste da oggi ma che si fa sentire sempre più forte.

Nel nostro Paese è poi in costante aumento il numero delle persone che si rivolgono a pratiche esoteriche, occultistiche e sataniche, con gravissimi danni fisici, psicologici, spirituali e morali”.

Fonte: qui