“IL VIDEO CHE MOSTRA GLI UFO ‘DECOLLARE’ DALLA LUNA”: LE IMMAGINI FANNO IL GIRO DEL WEB

Ai cacciatori di alieni non è passato inosservato il video diffuso in rete qualche giorno fa che mostra strani movimenti intorno alla luna. Potrebbe essere un’illusione ottica, ma sembra che centinaia di Ufo lascino il satellite quasi decollando per viaggiare nello spazio.

  

Come scrive LEGGO: Un utente di YouTube ha pubblicato una clip in cui si vedono chiaramente alcuni oggetti abbandonare la superficie lunare. “Sembra che siano centinaia”, i commenti degli internauti.

Gli esperti, tuttavia, sono convinti che si tratti di un’illusione ottica che può verificarsi ai bordi della luna con particolari obbiettivi fotografici. Si ha, infatti, un’aberrazione cromatica quando l’obiettivo non è a fuoco come in questo video.

Fonte: Qui

SFONDA LA PARETE DEL VICINO E NE OCCUPA LA CASA…

Non deve essere semplice ritrovarsi una parte di casa, magari il salotto, requisito arbitrariamente dal vicino che un giorno abbatte un muro e si appropria di un’ala intera del tuo appartamento.

Sembrerà impossibile, ma è successo nel quartiere Forcella di Napoli.

Il vicino si prende l’appartamento

Secondo quanto scrive ilGazzettino, un cittadino dopo essere uscito dal carcere ha sfondato un tramezzo del suo appartamento e si è impossessato di una parte dell’appartamento del vicino, terrazzo compreso.

“Non credevamo ai nostri occhi – ha detto Umberto Liberti, architetto vittima dell’operazione del vicino – ma tornati a casa, abbiamo ritrovato una parte occupata; Tra l’altro, il cancelletto del terrazzino fungeva da ingresso al nostro appartamento, e non siamo potuti entrare più a casa”.

E così da un mese Umberto si è trasferito da un amico nell’attesa che il giudice decida se ha ragione a richiedere indietro il proprio appartamento oppure no. Senza considerare, peraltro, che la madre della vittima è disabile e ipovedente.

Fonte: Qui

HAI LA PRESSIONE ALTA? I 10 CIBI PER COMBATTERLA

Se fai parte del club della pressione alta, ecco una lista di 10 cibi preziosi alleati nella lotta all’ipertensione. 

I cereali devono le loro proprietà benefiche contro la pressione alta al fatto che contengono acido glutammatico, il quale agisce direttamente sulla pressione arteriosa, abbassandola. Lo hanno dimostrato dei ricercatori americani, che hanno condotto uno studio specifico sull’argomento.

I legumi contengono in abbondanza una particolare proteina. Si tratta dell’idrolisato proteico, che riesce ad abbassare la pressione. Non dovremmo mai privarci dei legumi, anche perché questa specifica proteina fa in modo che non sorgano danni ai reni. 

Le noci sono ricche di antiossidanti. E’ stato dimostrato che questi ultimi riescono a ridurre la pressione alta, specialmente nei casi in cui essa è determinata dallo stress.

Questo tipo di frutta secca non dovrebbe, quindi, mancare mai sulle nostre tavole. 

Il cioccolato amaro svolge un’azione molto importante, perché riesce a dilatare le coronarie e ad abbassare il livello di colesterolo. Questo cibo è stato oggetto di molte ricerche e una di esse ha preso in considerazione una popolazione che vive al largo della costa di Panama e che consuma grandi quantità di cacao.

E’ risultato che i membri di questo popolo muoiono raramente a causa di malattie cardiovascolari. I lupini sono efficaci contro il colesterolo, il diabete e l’ipertensione.

Come riporta Leggo, tutto è dovuto alle loro proteine, che sono state prese molto in considerazione da parte della ricerca scientifica. In effetti essi si possono considerare fra gli alimenti più ricchi di proteine. Il pesce è ricco di omega 3.

Questi ultimi contribuiscono al benessere generale e nello specifico riescono a combattere gli alti livelli di pressione arteriosa. E’ chiaro, quindi, che si dimostrano fondamentali anche per combattere le patologie cardiovascolari. 

La barbabietola rossa contiene dei nitrati, che vengono trasformati in nitritiattraverso una reazione chimica che avviene nella bocca e che è determinata dall’azione dei batteri che sono presenti sulla lingua. I nitriti riescono a trasformarsi in molecole che aiutano a tenere sotto controllo la pressione sanguigna. 

I prodotti caseari in generale contengono peptidi bioattivi, che, grazie all’azione che svolgono su alcuni enzimi, riescono a portare avanti un’attività antipertensiva. 

Le patate viola sono ricche di un pigmento, che è utile per ridurre la pressione. Bisogna stare attenti, comunque, alle alte temperature, che possono influire negativamente nel limitare l’azione delle sostanze benefiche. 

La frutta e la verdura in generale sono dei toccasana per la salute. Specialmente le loro qualità vanno rapportate ai livelli di potassio che contengono.

E’ proprio il potassio che è coinvolto nei meccanismi che determinano la contrazione e la dilatazione delle fibre muscolari e di quelle che si trovano nei vasi sanguigni.

Per questo il potassio è un ottimo alleato naturale a vantaggio dell’apparato circolatorio. Non dimentichiamo, a questo proposito, le proprietà benefiche della banana, ricca di questo minerale.

Fonte: Qui

ESCHILO, IL DOBERMAN UCCISO FUORI CASA DA DUE CACCIATORI: “ORA VOGLIO GIUSTIZIA”

«Scrivo solo ora perché avevo bisogno di lucidità. Posso ancora sentire l’odore della polvere da sparo sul corpo di Eschilo, uno dei miei dobermann. Per me è stato un duro colpo, come perdere un familiare. Eri il mio re, il mio leone, avevi una sicurezza imbarazzante ma necessitavi di me, il tuo fratello bipede.

Come scrive LEGGO: Ed è per questo che non mi darò pace finché non avrò giustizia». Questo, in sintesi, il post su Facebook di Marco Capecchi, giovane allevatore di cani di Follonica (Grosseto) che però da qualche mese risiede a Roccatederighi. Il suo dobermann di sei anni, Eschilo, è stato freddato giovedì mattina con una fucilata alla testa da due cacciatori che poi sono fuggiti in auto. 

 Eschilo era appena stato liberato da Marco insieme ad alcuni cuccioli, per una sgroppata nei prati intorno alla casa e all’allevamento. Pochi istanti e Marco ha sentito il rumore di uno sparo a una cinquantina di metri da casa, prima di assistere alla scena straziante del suo cane colpito a morte e dei responsabili in fuga.

 «I carabinieri poi sono riusciti a identificarli e a fermarli, loro sostengono di essere stati in pericolo insieme ai loro cani da caccia e di aver sparato per legittima difesa, e di essere scappati perché temevano l’arrivo di altri dobermann.

Lo dimostrerebbe il fatto che uno dei segugi è stato refertato dal veterinario» – racconta Marco – «Io però non gli credo: se fossero stati davvero in pericolo, ci sarebbero stati segni importanti, perché un cane come Eschilo, che pesava 50 kg, in caso di aggressione avrebbe inferto dei danni significativi. Per me c’è stato un chiaro eccesso ed è quello che voglio dimostrare».

Il cane è stato sottoposto a necroscopia e Marco vuole andare fino in fondo per avere giustizia. Le indagini dei carabinieri proseguono, ma c’è la questione del luogo esatto in cui è avvenuto il fatto: la proprietà di Marco, ampia una trentina di ettari e situata in aperta campagna intorno al piccolo centro grossetano, non è recintata.

Il prato adiacente è percorso spesso da cacciatori e cercatori di funghi, ma Marco aveva affisso un cartello di avvertimento per la presenza dei cani e finora non aveva avuto alcun problema.

Fonte: Qui