“SESSO TROPPO VIGOROSO”, IL RAPPORTO È ESTREMO E LEI MUORE DISSANGUATA: IL COMPAGNO FINISCE IN CELLA

Un nigeriano di 50 anni rischia la pena di morte dopo che la sua amante è morta per dissanguamento dopo un rapporto sessuale, ritenuto dal procuratore “troppo vigoroso e violento“.

La morte dopo il rapporto sessuale

Fatai Busari, è il nome del 50enne africano finito in cella dopo la morte della sua amante 48enne Sadia Adejuwon.

I due erano colleghi, entrambi infatti prestavano lavoro occasionale come operatori ecologici per Ibadan, seconda città della Nigeria per popolazione.

L’uomo è stato accusato di aver provocato la morte della collega dopo aver ingerito un afrodisiaco a base di erbe per aumentare le dimensioni della sua virilità e aver consumato un rapporto con la donna, come riportato dal Daily Mail.

Dopo aver bevuto l’intruglio a base di erbe, durante il rapporto l’uomo si è reso conto che qualcosa nella sua compagna non andava: la donna perdeva molto sangue.

La 48enne è morta in seguito per dissanguemento. Immediatamente è stato lanciato l’allarme, ma non c’é stato niente da fare. Busari ora è detenuto in una cella di Agodi in attesa di giudizio. La sentenza è prevista per il 30 novembre.

Fonte: Qui